logo

FUORI ORA “GOLD ROGER – IL MEGLIO CHE C’È”

Cristiano Ruggero, in arte Gold Roger nasce a Torino il 3 Novembre ‘87, cantante pop emergente torinese con influenze electro, dub e drum & bass. Nel 2012 inizia la sua collaborazione con l’etichetta discografica HIT BEAT RECORDS di Sergio Mari e da allora pubblica numerosi singoli e video. Attualmente lavora inoltre ad un nuovo progetto dal nome ZAON insieme a Steven Patrick Piu e Lorenzo Diego Carrera.

“IL MEGLIO CHE C’È” è l‘ultima produzione discografica di Gold Roger con forti sonorità reggae, dancehall ed elettroniche. L’arrangiamento, il mix e il mastering sono a cura della Hit Beat Records mentre il videoclip ufficiale è di Lorenzo Diego Carrera.

Clicca qui per vedere il video incorporato.

Facebook:  facebook.com/pages/GOLD-ROGER/219009451459333?ref=

Twitter: @Gold_Roger87

Instagram: GOLD_ROGER87

www.hitbeatrecords.com

facebook.com/hitbeatrecords

Related Images:

[See image gallery at www.reggaemusic.it]

© 2016, goldroger
Copyright by ReggaeMusic.it

Fuori “Ghetto Stradivari”, il nuovo disco di Nico Royale

A due anni di distanza da “Illegale“, esce oggi per l’etichetta Torinese Trumen Records e distribuito da A1 Entertainment Ghetto Stradivari“, il terzo disco solista di Nico Royale.

L’album, disponibile in copia fisica e in tutti gli store online, racchiude in chiave Reggae un messaggio di appartenenza e di rivalsa. Il “ghetto” rappresenta qui l’origine dell’artista (Sasso Marconi di Bologna, ai piedi dell’Appennino), i luoghi in cui si é formato e il modo di vedere la cultura all’interno di un ambiente poco incline all’arte e alle sue sfumature.Stradivari” (riferendosi al famoso liutaio di Cremona Antonio Stradivari) simboleggia invece lo studio, la dedizione e la ricercatezza. Ed é così che la strada si unisce alla nobile arte della Musica. Senza imposizioni, preconcetti e confini. “Ghetto Stradivari” diventa quindi lo stimolo a portare avanti i propri progetti imponendosi di fronte a un sistema che vorrebbe l’essere umano etichettato e standardizzato a canoni predefiniti. La copertina (con un esplicito omaggio a “London Calling” dei Clash e al debut album di Elvis Presley) riconferma l’emancipazione della Musica nei confronti dei canoni, evidenziando la rottura dagli schemi e la libertà di espressione.

Il disco, nonostante il concept trainante, risulta però molto vario. Il tappeto sonoro, che accompagna lo stile personale e tagliente dell’artista, é una rivisitazione in chiave moderna del roots reggae originale, lo stesso proposto fin dalla sua nascita da Studio One Label. Le armonie eleganti e potenti si intersecano a momenti più incalzanti e a vibrazioni club. I temi viaggiano dal sociale fino ad arrivare all’amore, a storie di persone e a momenti riflessivi.

Preceduto da due singoli (“Sing with my Heart” e “Supermarket Love“), l’album esce presentando il terzo estratto :”Vorrei“. Il brano, prodotto da Mattia Mene Menegazzi col basso dello stesso Royale, prende ispirazione da “Always Toghether, un pezzo del ’69 firmato Bob Andy e Marcia Griffiths prodotto proprio da Studio One Label. La versione di Nico Royale fonde però la tradizione Giamaicana a quella vintage Italiana degli anni ’70, creando un prodotto fresco e orecchiabile. Il video valorizza la sensazione surreale del brano, viaggiando fra le strade di Bologna e gli edifici abbandonati de “Le terme del Corallo” di Livorno.

Ghetto Stradivari” é un album completo e ricco di spunti. Grazie al suo sapore fresco é perfetto per l’estate e per essere apprezzato da un pubblico amplio. Nonostante le atmosfere popolari, resta però un solido esempio di Reggae nostrano in cui studio, passione e cultura si uniscono per far parlare col cuore la strada.

Related Images:

[See image gallery at www.reggaemusic.it]

© 2016, sanna
Copyright by ReggaeMusic.it

Road To Zion, ecco il nuovo album “The Monkey Temple”

Artwork

 

I Road to Zion sono un gruppo Dub / Reggae con base a Brescia. Fondati da Mekis, producer e speaker del gruppo, escono con il primo album omonimo ed autoprodotto nel settembre 2014, il tutto coronato da due video ufficiali e numerosi passaggi in tutte le principali dub radio europee. Con l’inserimento di Winston Cobe al basso e alla produzione, seguito da Davide Albrici al trombone, il progetto trova la sua forma ideale, arrivando ad aprile 2016 alla pubblicazione del secondo disco The Monkey Temple.

L’idea che sostiene il nuovo lavoro del trio è molto chiara: il loro è dub europeo, ispirato alla scena francese di gente come Panda Dub e Stand High Patrol, ma senza dimenticare le radici giamaicane del genere (e di quella terra meta annuale di pellegrinaggio da parte della band), mantenendo uno stile di produzione simile a quello dei grandi maestri come Mad Professor o Lee Perry.

Il sound di The Monkey Temple assorbe le citate influenze e le fa sue, tra batterie dancefloor, bassi potenti, percussioni etniche/orientaleggianti, linee melodiche di trombone ai limiti del blues e del jazz, ritmi in levare e sintetizzatori e delay e reverb che rendono il tutto decisamente più contaminato ed accessibile anche ai non cultori del genere.

Clicca qui per vedere il video incorporato.

La voce di Mekis, dubmaster e speaker del gruppo, non solo è un mezzo comunicativo per la band, ma diventa spesso un vero strumento musicale, dai tratti ritmici, con delay ossessivi e riverberi maestosi, prendendo spunto dalla scuola dub inglese. I testi parlano di viaggi mentali e spaziali vissuti in due luoghi diversi: nel tempio delle scimmie, con il re Archer (“My name is Archer” ad esempio) o nello spazio metafisico (vedi “The Lost Planet”); spazio anche per la ‘politica’ di “Dread revolution”, un invito ad una rivoluzione contro il moderno schiavismo ed il qualunquismo.

Da segnalare la prestigiosa partecipazione del MC giamaicano Fitta Warri (già al fianco di Zion Train e molti altri act europei) in ben due brani.

Related Images:

[See image gallery at www.reggaemusic.it]

© 2016, mzoo
Copyright by ReggaeMusic.it

“TURN”, IL NUOVO VIDEO DI WSW WUFER CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

EMILIANO MENICHETTI in arte WSW WUFER esce con un nuovo video da lui scritto e prodotto per REDGOLDGREEN LABEL che vede la direzione del
giovane e talentuoso regista MATTEO MONTAGNA (Alternative production), la produzione e missaggio musicale di FEDERICO GIDARO in arte VIRTUS, la voce potente e calda di LAURA ZARA BARI ed il mastering del maestro FRANCESCO FRACASSI FUZZY realizzato presso il QUADRARO BASEMENT STUDIO
di Roma.
WsW Wufer, giovane cultore di varie espressioni musicali e personaggio eclettico che si muove da anni nell’underground romano e da sempre
sensibile alle tematiche sociali, ha deciso di lanciare un messaggio chiaro e forte contro la violenza sulle donne usando il modo di comunicare a lui più consono: la musica. Ne nasce un bravo incisivo e coraggioso legato ad un video crudo quanto deciso con il quale raccontare una storia vissuta da una persona a lui cara che ha sconvolto il suo e l’altrui vivere quotidiano. Una storia vera come molte altre, terribile ed ignobile, invalidante per il corpo e per l’anima di chi l’ha vissuta. Unico spiraglio di luce, la nascita di una splendida bambina.
Con questo video WsW Wufer vuole sensibilizzare e diffondere un concetto semplice ma che sembra ormai molto spesso sottovalutato ed eluso: il rispetto! Dare un’immagine in musica di tali soprusi porta con se la speranza che tali violenze non vengano tenute nascoste ma che vengano pubblicamente denunciate cercando di esortare chi vive tali drammi a non sentirsi colpevole ma soltanto vittima.
LINK VIDEO
BIOGRAFIA
Emiliano Menichetti in arte WsW Wufer nasce a Roma nel ’78 e sin da piccolo studia per anni pianoforte e basso elettrico, frequenta corsi di
canto. Come breakdancer nel 2000 vince una gara a Londra nella sezione mc stranieri “London Battle”.
 Collabora al disco jazz-hip hop dell’Essential Team di Stefano Di Battista e Pippo Matino, pubblicato in Francia ed in Italia.
 Innamorato del reggae diventa una delle voci più importanti delle dancehall capitoline, e non solo. Ha all’attivo varie formazioni come:
Acoustic Impact e Terradunione con i quali partecipa a molti live. WsW Wufer è anche un attivo organizzatore di eventi attraverso
l’associazione Alberomotore (booking, management, progettazione e organizzazione eventi) con cui fonda e/o partecipa a vari progetti:
Etruria eco festival, Green Ager, La Situazione, Lifegate Roma, Rize In Fm, Zion Beach.
Dal 2012 cofondatore RedGoldGreen Movement, movimento culturale grazie al quale partecipa e gestisce vari progetti ed eventi e del quale nel
2015 ne nasce la Redgoldgreen Label, etichetta discografica e di produzione.
Dal 2013 al 2015 è ospite fisso come speaker del Troppo Avanti Show in onda su Radio Città Futura.
   Attraverso la sua Redgoldgreen Label lavora anche alla gestione, al managment, alla edizione, alla produzione, alla distribuzione e alla
promozione di artisti del mondo reggae selezionando anche per l’ etichetta “La Grande Onda” e “Universo”, alcune tracce che vengono edite
e stampate in tutta Italia nella nota compilation “HITMANIA” e realizzando insieme sempre a “La Grande Onda” diversi progetti musicali
in co/edizione. Ha collaborato nella sua vita artistica con tante altre etichette storiche e nuove come Bizzarri rec, Red Army, 4WeeD, Greezly
Prod, FiloMuzik, Rbl ecc ecc.
Dal 2012 collabora anche sempre come Redgoldgreen Label con il regista Matteo Montagna e la sua Alternative prod. alla regia, scrittura,
realizzazione e produzione di molti video clip per molti artisti della scena reggae e rap della penisola.
LINK ALTRI VIDEO:
(DEMONACRACY feat Zion Train & Tizla, SPREAD, DON’T STOP, QUELLO CHE DIRAI NON MI FIDO feat Ginko & Acoustic Impact)
CREDITS VIDEO:
Video by Redgoldgreen Label
Executive Producer: Emiliano Menichetti
Directed: Matteo Montagna (Alternative prod.)
Dop and video editing: Matteo Montagna
Screenwriter: Emiliano Menichetti & Matteo Montagna
Production Assistant: Muna Bouriki
Assistant: Federico Gidaro, Stefano Saporito, Silvia De Gennaro
Makeup Artist: Annabel Silva
Hair Stylist: Gentleman’s Barbershop
Photo backstage: Muna Bouriki
Casting and Location: Emiliano Menichetti
CAST:
Ana Rusiniuc, Emanuele Gabrieli, Federica Flavoni, Tomas Stifo, Piero Ali Passatore, Leila e Karim Bouriki, Vincenzo Petrarolo
CREDITS AUDIO:
Lyrics by WsW Wufer
  Female Voice: Laura Zara
Music: Federico Gidaro (Virtus) e Emiliano Menichetti (WsW Wufer)
Mix and audio editing: Federico Gidaro
Master: Francesco Fracassi (Quadraro Basment)
Published by Redgoldgreen Label & La Grande Onda
TNX TO:
Marta e Sole, Luisa, Francesco e Stefano, Omar Bouriki, Marco, Silvia e
Piero De Gennaro, Alba Ferrara,
il Byron Bar,  La Bottega Degli Aromi, Farmacia Dott.Ssa Beatrice Faina,
La città di Nemi, Paola Bottacchiari, Luciano Golia, Quadraro Basment,
La Grande Onda, Alternative production, Alberomotore promotions,
Redgoldgreen Movement.
INFO E CONTATTI:
MAIL TO: info@redgoldgreen.it  – +393318960466
FACEBOOK WsW WUFER : https://www.facebook.com/WsWWufer/?fref=ts
FACEBOOK PRODUZIONE :
—–
PROMOZIONE/UFFICIO STAMPA
MUSIC IN BLACK – sito di informazione, ufficio stampa e promozione
tel: +39 349.6205271
sito: www.musicinblack.org

Related Images:

[See image gallery at www.reggaemusic.it]

© 2016, Alexareggae
Copyright by ReggaeMusic.it

UNDER MI SOUND, il disco solista di PAPA CLOACA

Under Mi Sound è il disco solista di Papa Cloaca che rappresenta un mix di tutte le sue esperienze passate, perché l’artista non è affatto uno sconosciuto sulla scena ma si occupa di musica da tantissimi anni.

L’artista è uno dei cantanti della scuderia musicale del BARACCA SOUND.

Entra in contatto con la musica giamaicana a metà degli anni ’90 al fianco del “Ghetto youth spinaceto sound system”, affinando con gli anni la sua “militanza sonora” come cantante, collezionista di dischi ed appassionato di   sound system.

Dopo il riscontro positivo dell’ album “Foundation”, costruito insieme ai cantanti Cullaman e Pavese Rudie, Papa Cloaca esce con un disco da solista in puro dj style.

Le sonorità dei riddim originali degli anni 70/80, la denuncia sociale ed il racconto del quotidiano nei testi quasi sempre in chiave autobiografica e ironica, sono un chiaro richiamo alla musica a cui la crew romana del Baracca Sound ha costruito il proprio mood.

Il nome del disco non lascia spazio a fraintendimenti. “ UNDER MI SOUND” è un omaggio alla cultura dei sound system.

 

Info & booking:

Download gratuito dal sito www.baraccasound.com

In vendita presso www.inity.com

Face book: Papa Cloaca Baracca – Baracca Sound Roma

Email: baraccasoundsystem@gmail.com

 

—–

UFFICIO STAMPA & promozione

MUSIC IN BLACK
tel: +39 349.6205271
Email: alessandra@musicinblack.org

sito: www.musicinblack.org

 

Related Images:

[See image gallery at www.reggaemusic.it]

© 2016, Alexareggae
Copyright by ReggaeMusic.it

Geneticamente Microfonato, il nuovo cd solista di Raina (Villa Ada Posse) tra reggae e punk

A distanza di cinque anni da ‘Che colpa ne ho’ torna Raina della Villa Ada Crew con il suo nuovo lavoro solista dal titolo ‘Geneticamente Microfonato’. Un disco solare che incontra vari generi dall’hip hop al reggae, dalla dancehall alla soca fino al folk e al punk.
Ricco di numerose tematiche che Raina affronta in questo suo secondo album, a partire dalla propria esperienza di vita, che viene raccontata in ‘Corre’ fino ai suoi viaggi in Giamaica in ‘I Love Jamaica’. Altre canzoni come ‘Lei non esce mai di casa’, ‘Sorrido’ e ‘4G’ affrontano argomenti riguardanti la socialità, in cui si invitano le persone a uscire dal proprio guscio. Non poteva mancare il grande soggetto antiproibizionista di cui Raina e la Villa Ada sono portavoce da anni in ‘Ganjamelier’, singolo divertente di cui è stato realizzato il video, girato tra la Ganjatime Cup di Barcellona (settembre 2015) e la fiera di Roma Canapa Mundi (febbraio 2016) e montato da Mirco Virgili, il regista del film ‘Ganjia Fiction’.
Unica combination dell’album è ‘La gente è pazza’, uno stornello romano in chiave raggamuffin cantata con Brusco, in cui si critica la pigrizia mentale e la passività. Gli ultimi due brani, già pubblicati sul web, sono ‘Stamo ancora qua’, che celebra i 20 anni della Villa Ada Posse e ‘Nato Stanco’ sul ‘Natural Thing Riddim’ di Bizzarri. L’album è stato registrato nel Bizzarri Studio di Modena su basi realizzate da Marco ‘Magista’ Evangelista ad eccezione di ‘Stamo ancora qua’ e ‘Corre’ della Nitelite Music e con Dario Casillo alla parte tecnica (mix e mastering). L’album sarà disponibile anche durante il tour estivo di Raina in giro per l’Italia con distribuzione digitale Belive e Godfellas per i negozi.

Hanno partecipato al disco: Marco ‘Magista’ Evangelista, Sid Gaetani, Jimmy e Flinky, Ulisse Nitelite, Brusco, Leo Bizzarri, Elisa ‘Empresselisa’ Fioresi, Blacky Grace, Davide Corbo, Mirco Virgili, Marco Zionet e Dario ‘Daddario’ Casillo.

https://www.facebook.com/VILLADACREW
http://www.villadacrew.it/

Clicca qui per vedere il video incorporato.

Related Images:

[See image gallery at www.reggaemusic.it]

© 2016, Nextpress
Copyright by ReggaeMusic.it

The Congos e Assassin aka Agent Sasco completano la line up del 5º Overjam

Annunciato il calendario giornaliero a tre mesi dall’inizio del festival

fronteLondraWEBLa programmazione della quinta edizione dell’Overjam International Reggae Festivalè ora completa con l’arrivo dalla Giamaica del roots degli storici The Congos e della dancehall di Assassin aka Agent Sasco. Con questi nomi, il festival annuncia la chiusura della line up con circa 100 artisti provenienti da 14 paesi diversi che si alterneranno su tre palchi dal 16 al 19 agosto (con un preparty il 15 e un afterparty il 20) a Tolmin (Slovenia).

The Congos è un gruppo vocale composto da ‘Ashanti’ Roy Johnson, Cedric Myton, Watty Burnett e Lindbergh Lewis, attivo da metà degli anni ‘70, diventato famoso grazie al disco Heart of the Congo, registrato con Lee ‘Scratch’ Perry. Jeffrey Campbell, più conosciuto come Assassin aka Agent Sasco, è un singjay e artista dancehall che ha iniziato la sua carriera nel 1999, quando i suoi brani sono stati registrati da Spragga Benz come ‘Shotta’. Nel 2000 ha pubblicato il suo primo single solista, Wah Gwaan.

Saranno proprio loro, insieme a Stylo G, a chiudere gli show del palco principalel’ultima sera, il 19 agosto. Il 16 si esibiranno invece Marcia Griffiths, Mungo’s Hi FI con Solo Banton e Lion D; mentre il 17 toccherà a Tarrus Riley, Dean Fraser e Alaine; e il 18 Kabaka Pyramid, Cali P e Soom T. Dopo i concerti, si balla fino all’alba sui palchi della spiaggia con, tra i tanti: Jamie Rodigan (figlio di Sir David), i giapponesi Yardbeat, Parly B, Asher, Bizzarri Sound, Iniman di Caveman Sound, Fleck, Moa Anbessa, Roots in Session, King Earthquake, Rakka e I-Shence.

Per quel che riguarda le attività collaterali, anche quest’anno è confermata la Overjam University, con le conferenze “Donne e impegno nel 21º secolo”, “Alimentazione sana e semi di canapa” e “Rifugiati”. Sarà nuovamente presente anche lo spazio per bambiniOverjam 4 Kidz, con attività in quattro lingue sulla riva del fiume Soča.

Gli abbonamenti sono in vendita al prezzo scontato di 79€ fino al 20 giugno, poi costeranno 89€ fino al 10 agosto e 105€ a partire dall’11 agosto e in biglietteria, mentre ibiglietti giornalieri costano 25€ in prevendita. Tutti i tipi di biglietti sono in vendita suoverjamfestival.com/shop/ e negli oltre 540 negozi che vendono Ciaotickets in tutta Italia e includono il campeggio nel bellissimo parco naturale del Triglav.

È previsto anche un servizio di autobus che collegherà gli aeroporti italiani più vicini con l’area festival, oltre ai pullman organizzati dalla Svizzera. Tutta l’informazione su come arrivare è disponibile su overjamfestival.com/info/how-to-arrive.

a4programmaWEB

© 2016, Run it Agency
Copyright by ReggaeMusic.it

FUORI ORA: #WANT #MORE RIDDIM – L’ultimissima produzione di Rising Time

Mr T.O, Kayaman feat. Maura, Ronnie Mc Adoo, NukleoSoulGang, Mr Bobcat sono gli artisti che hanno partecipato alla nuova produzione della Rising Time production, che riprende in chiave elettro/digitale lo splendido capolavoro di Bob Marley and the Wailers. Un brano che vuol far riflettere sull’insaziabilità e l’avidità di alcuni uomini; la reinterpretazione dei singers riprende infatti in parte il tema originale, arricchendosi con nuove tematiche impegnate che riguardano piu’ da vicino i nostri tempi ma che in realtà sono ancora le stesse che a voce alta gridava Marley.

In “Dignity” Mr T.O ricalca l’importanza ed il valore della dignita’ di ogni individuo, nessuna prima e seconda classe ma solo esseri umani figli dello stesso grande pianeta.

Ed ancora prosegue la NukleoSoulGang che afferma con forza: “ciò di cui abbiamo bisogno è più pace e meno disuguaglianze”.

Mr bobcat ripercorre le tematiche accentuando un volto più politico della questione; da ormai troppi anni politici e potenti continuano a violentare il nostro pianeta e le nostre speranze, ma il valore della vita deve darci la forza per dare il nostro contributo al cambiamento.

Ronnie Mc Adoo e il poeta napoletano Pasquale Rea provano ad immedesimarsi nei lunghi viaggi intrapresi dai padri con i loro bambini per sfuggire a fame e guerre per un futuro migliore …cosi’ le parole diventano poesia canzonata. Ad inizio maggio, del brano sarà disponibile anche un video con le riprese, il montaggio e la regia di Luca Hosseini e le grafiche di Daniele Cecconami.

Ed infine Mistah Kayaman e Maura, che in un brano introspettivo, si interrogano su quanto possa mai durare l’ipocrisia e i falsi sorrisi di uomini in realtà pervasi da forze maligne e schiavi di un sistema malato.

Un reggae che vuole far riflettere e che si fa portatore dei principi che da sempre hanno pervaso questa musica. La produzione è stata curata da Andrea Dima, il mastering da Francesco “pizzetto” Guadalupi presso l’OM studio.

La promozione è curata da Alessandra Margiotta di Musick in Black.

Il lavoro è disponibile dal 19 aprile su tutti i digital store e sui canali dell’etichetta. Maggiori info le trovate su www.risingtimenews.com.

ASCOLTA “WANT MORE RIDDIM’ su:

YOUTUBE

BUY

iTunes

Amazon

Spotify

 

CONTATTI

rising.time.info@gmail.com

Official YouTube Channel

www.risingtimenews.com

Official Facebook

Official Twitter

Google+

 

—–
PROMOZIONE

MUSIC IN BLACK – sito di informazione, ufficio stampa e promozione
tel: +39 349.6205271
sito: www.musicinblack.org

 

Related Images:

[See image gallery at www.reggaemusic.it]

© 2016, Alexareggae
Copyright by ReggaeMusic.it

“Fight your babylon”, il primo album di Jahmaikol

                                                                                                 13094183_878741128902761_4492116021938136685_n

E’ uscito “Fight your babylon“, il primo album del giovane salentino Jahmaikol.

Fight your babylon è un disco energico e riflessivo, un lavoro accurato da parte dell’ artista che ci regala 8 tracce finemente lavorate, frutto di un percorso musicale che parte da una grande passione per la musica black e dal suo piccolo studio casalingo.

Dopo qualche singolo “home-made” e la partecipazione alla compilation “Come back again riddim” con il pezzo “B-boy e Sound-boy” insieme al rapper Febbo, Jahmaikol presenta al pubblico un album dal suono moderno e dalle ritmiche contaminate che spaziano dal reggae al rap passando per la dancehall, restando però lontano dalla degenerazione elettronica degli ultimi anni preferendo un aspetto più “conscious”.

Una profonda ricerca nella qualità del suono, i testi mai banali, la voce potente e graffiante di Jahmaikol sono le caratteristiche principali di questo lavoro, che vede al suo interno la partecipazione dei migliori musicisti salentini e non solo incontrati negli anni dall’ artista lungo il suo percorso di crescita, da Gabriele Blandini, Papa Leu, Leo Klaus, Luigi Miacola, Republika Mod, Adriano Sure, Daniele Papadia, Davide Corsano, Matteo Manni, Corrado productions fino a Salvatore Js Angelè e la sua Better days records.

E’ nella collaborazione al microfono che però Jahmaikol dimostra quanto sia versatile e quanto riesca a intersecare la sua voce con quella di colleghi dalle diverse caratteristiche.

A cominciare dalla traccia che dà il titolo all’ album, appunto Fight your babylon, che vede la collaborazione di Terron Fabio (Sud Sound System), il rapper cremonese di origine campana Febbo ed il singer giamaicano Raymond Wright, un pezzo a quattro voci che si alternano con grande armonia in un crescendo che porta la canzone ad essere la più esplosiva di tutto il lavoro.

Altro pezzo energico “Me presentu“, impreziosito dalla presenza di Febbo e del giovane cantante bresciano Galup, seguito dal raggamuffin di “Quandu te isciu” insieme a Marta De Giuseppe e dalla radiofonica “Se non sei qui” con l’ inconfodibile voce di Puccia degli Après la Classe.

All’ interno del lavoro sono degne di nota anche la riflessiva “Ho l’ abitudine” sul tema delle droghe, la ballata “Call me on the phone” e la spensieratezza del brano “Cartoon vs. Anime“, che rendono Fight your babylon uno degli album più riusciti di questo 2016 e proiettano Jahmaikol come una delle voci più interessanti nel panorama black italiano.

 

Bless

Enrico Primiceri

Tracklist di  Fight your babylon:

                                                     13177728_1279389565412077_5810814996183793970_n

 

–IL PRIMO SINGOLO ESTRATTO DALL’ALBUM OMONIMO

Related Images:

[See image gallery at www.reggaemusic.it]

© 2016, Enrychez
Copyright by ReggaeMusic.it

Overjam: confermati anche Mungo’s Hi Fi, Solo Banton e Soom T

Inoltre primi nomi per le aree Dub e Dancehall, mentre proseguono i numerosi pre-party in tutta Europa

Flyer2016LineUpDEFDEFDEFweb-1030x735L’Overjam International Reggae Festival, che si svolgerà a Tolmin (Slovenia) dal 16 al 19 agosto con un preparty il 15 e un afterparty il 20, entrambi sulla splendida spiaggia del festival, conferma nuovi nomi della line up. Alla nutrita lista di artisti già annunciati per il palco principale si aggiungono la bellissima voce femminile di Soom T, il sound originario di Glasgow Mungo’s Hi Fi, accompagnato dal veterano inglese Solo Banton, oltre al cantante romano Virtus.

Numerosi inoltre i sound system internazionali che si daranno il cambio sul Green Stage e sul Red Stage, palchi dedicati rispettivamente al dub e alla dancehall. Sul Green Stage arriveranno dall’Italia Moa Anbessa, Rockers Dub Master, Wicked & Bonny, che insieme ai britannici King Earthquake e ai sound del Love Kulture Project,Kings Hi-Fi & Leo Samson del Reggae Roast, Tiffany Juno e Culture B, assicureranno un ambiente indimenticabile.

I primi nomi confermati invece per la Dancehall sono il giamaicano Iniman from Caveman Sound, poi Bomchilom, Pakkia Crewe Bizzarri Sound dall’Italia, il belgaDJ Rakka, gli austriaci Sued Massive e gli sloveni Freedom Fighters. Sempre dalla Slovenia arriva anche la celebrazione del decimo anniversario del Dub Lab conOhoroho, Dubzilla e Rollking. Questi nomi si vanno ad aggiungere ai già annunciati Tarrus Riley, Marcia Griffiths, Kabaka Pyramid, Cali P, Dean Fraser, Alaine, Stylo G, I-Shence, Fleck, Lion D, Madred, Asher Selector, Earth Beat Movement e Wicked Dub Division.

L’Overjam però non è solo musica, ma è un evento adatto anche alle famiglie, con attività per bambini che da quest’anno verranno organizzate in quattro lingue, una zona del campeggio per i camper con corrente elettrica e molte altre novità che verranno presto annunciate.

In attesa di conoscere gli artisti che completeranno questa già ricca e variata line up e di confermare il resto delle attività collaterali, l’organizzazione del Festival ha messo in marcia una lunga lista di eventi in molte località europee dove sarà possibile avere un piccolo assaggio di quel che accadrà ad agosto a Tolmin, con alcuni degli artisti che saranno presenti al festival. I prossimi appuntamenti sono a Londra (UK) con Mungo’s Hifi, Monaco (Germania), Lubiana (Slovenia), Belluno con Earth Beat Movement e i Jamaram, Mantova, Pordenone, Udine con i Wicked Dub Division e infine Klagenfurt (Austria) con il sound Serious Thing.

Durante i preparty sarà possibile acquistare gli abbonamenti per il festival, che attualmente sono in vendita a 79€ anche sul sito ufficiale overjamfestival.com/shopoltre ad avere la possibilità di vincere biglietti tramite estrazioni.

© 2016, Run it Agency
Copyright by ReggaeMusic.it